Permalink

off

Scritto da:
Pubblicato: 22/01/2018

Attenzione valanga! Tutto ciò che dovresti sapere sull’attrezzatura base di emergenza

L’apparecchio Artva, la sonda e la pala non sono delle attrezzature di sicurezza ma di emergenza. Non contruibuiscono alla sicurezza, ma servono a limitare i danni. Ecco perchè questo sistema di salvataggio deve sempre essere pronto all’usa nel tuo zaino durante gite di scialpinismo, freeride ed escursioni con le ciaspole.

Durante gli Skitouring & Freeriding Test Days a Solda, le guide alpine ed allenatori della scuola sci hanno ripetutamente sottolineato che coloro che seguono alcune regole di base al di fuori delle piste riducono il rischio di essere sepolti da una valanga. Purtroppo il piacere sulla neve fresca rimane sempre rischioso! Per questo motivo, un serio confronto con le proprie attrezzature e la qualità della neve é necessario. Per chi conosce bene l’attrezzatura sa come comportarsi correttamente durante una valanga, oppure in condizioni estreme e in caso di emergenza. Pertanto, prima di partire si dovrebbe sempre fare un controllo profondo dell’attrezzatura insieme con i compagni d’escursione.

Dopo numerosi test degli apparecchi Artva da parte delle nostre guide e professionisti, abbiamo solamente in sortimento apparecchi digitali con 3 antenne. Inoltre puoi acquistare l’apparecchio Artva in SET con pala e sonda di alta qualità.

L’apparecchio ARTVA
Il ricetrasmettitore a valanga alimentato a batteria è uno dei apparecchi standard per gli sport invernali. Può inviare segnali alla frequenza standard (457 kHz) per ricevere segnali. Tutti ricetrasmettitori a valanga disponibili oggi sul mercato, principalmente dispositivi digitali con 3 antenne con funzione di marcatura, sono compatibili tra loro.

Alcuni consigli sui modelli:


Mammut Barryvox S (SET)
Migliore gamma di ricezione
Dispositivo analogico e digitale
Portata massima oltre 70m

 

 

Pieps DSP Pro (SET)
Il supporto ideale per tutti i professionisti dell’alpinismo che pongono le massime esigenze su un ricetrasmettitore di valanghe e non tollera compromessi.
Portata fino a 60m
3 antenne
Durata della batteria: 400h

 

Il controllo dei apparecchi ARTVA
Il dispositivo è acceso? Le batterie sono nuove? I dispositvi di tutti i partecipanti sono operativi?
Il controllo ARTVA viene effettuato per assicurare che gli apparecchi trasmettono e ricevono il segnale.

Questo controllo è essenziale perché i dispositivi che non sono in grado di mandare e ricevere il segnale sono inutili. Durante l’escursione, l’apparecchio in modalità ‘’invia’’ dovrà essere portato al corpo,(mai sullo strato finale dell’abbigliamento o nello zaino). Il dispositivo emette un segnale (non udibile dall’uomo). In caso che si viene travolti da una valanga il segnale dell’apparecchio ARTVA fuoriesce attraverso il manto della neve e può essere ricevuto da altri ricetrasmettitori.

 

La modalità di ricerca:
Se un membro del gruppo viene travolto e sepolto da una valanga, allora i dispositivi devono essere imposte sulla modalità ‘’ricerca’’. Ora apparirà sul display una freccia che indicherà la direzione della vittima, così come l’indicazione della distanza. La portata tra gli dispositivi è compresa tra 40 e 60m.
Il momento più delicato durante la ricerca è l’ultima fase, la cosiddetta ricerca di precisione da 3 a 5 metri dalla vittima. Chiunque si muova in modo impreciso perde tempo prezioso. Pertanto, si dovrebbe mantanere la calma, specialmente durante questa fase.

Sonda e pala
Le sonde da valanga standard possiedono una lunghezza minima di 240cm e sono costituite da diversi segmenti di alluminio o carbonio lunghi circa 40cm, che possono essere collegati mediante un cavo. Queste cosidette sonde da lancio possono essere semplicemente espulse e sono pronte per l’uso in pochi secondi. La maggior parte degli zaini d’alpinismo e freeride dispongono di un scompartimento di emergenza dove è possibile riporre la sonda e la pala a portata di mano.

Una volta raggiunta la persona sepolta con l’utilizzo dell’apparecchio Artva, la ricerca si affina con la sonda.

Durante la ricerca si usa la sonda circolarmente con punti singoli. La ‘’lancetta superiore’’ rimane invariata nello stesso punto. Una differenza di profondità significa: un corpo è immediatamente riconoscibile. Con l’aiuto della sonda, è possibile determinare la posizione esatta e la profondità della persona. Una volta che la persona è stata individuata, verrà marcata la zona.

 

Ortovox 240 light PFA

 

 

 

Pieps I Probe II

 

 

 

Una volta localizzata la persona, viene utilizzata la pala. L’esperienza ha dimostrato che questa fase di salvataggio occupa la maggior parte del tempo. La pala viene realizzata in lega di alluminio di alta qualità, la maniglia è allungabile e possiede un’impugnatura ergonomica. I primi punti della pala dovrebbero essere effetuata lungo la pendenza della sonda. Non appena la posizione del corpo è stata più o meno localizzata, lo scavo si prosegue nella direzione della testa, per fornire alla persona sepolta l’ossigeno più velocemente possibile. Quindi viene spalato lentamente fino a quando il corpo può essere liberato delicatamente dalla neve.

Modelli consigliati:

Ortovox Pro Alu III
La classica pala da valanga

 

 

 

 

Ortovox Kodiak
Pala con funzione 90 gradi

 

 

 

Scala europea del pericolo di valanghe
Prima di partire per un escursione fuoripista, è sempre opportuno di informarsi sulla situazione metereologica e valanghe. Il servizio di avviso di valanga responsabile informa spesso più volte al giorno l’attuale pericolo di valanghe, che di solito è visibile anche sulle mappe delle piste nell’area sciistica.

A prima vista, la scala di pericolo valanghe offre una panoramica di come si presenta la situazione attuale. È diviso in cinque livelli, contrassegnati da numeri e colori diversi.

Al livello 1 (verde), le valanghe sono possibili solo con un forte sovracarico e su pendenza estreme. Il pericolo di valanghe moderato segna il livello 2 (giallo), quì si prevedono valanghe solo su pendii ripidi e con un carico elevato. Al livello 3 (arancione) vi è un considerevole pericolo di valanghe, qui possono verificarsi valanghe su pendii ripidi anche a basso carico. Molte valanghe di media, ma anche di grandi dimensioni sono possibili al livello 4 (rosso) anche con poco carico aggiuntivo. Il livello 5 (a scacchi neri e rossi) invece c’è un pericolo di valanghe molto elevato. In tali condizioni sono possibili valanche di grandi dimensioni, anche su terreni moderatamente ripidi. Molte aree sciistiche rimangono chiusi a causa di pericolo elevato. Una cosa è chiara: i livelli di pericolo valanghe possono essere applicati solo a intere aree ed è importante informarsi della situazione attuale direttamente sul posto.